Il Santo del giorno e la guida completa ai Santi di Oggi, 23 gennaio

I santi principali

Sant’Emerenziana

Nome: Sant’Emerenziana
Titolo: Vergine e martire
Nascita: III Secolo, Roma
Morte: 304, Roma
Ricorrenza: 23 gennaio
Tipologia: Commemorazione
Protettrice di: mal di ventre, malattie degli intestini
Pratica Oh Gloriosa Santa Emerenziana donaci il tuo coraggio per affrontare gli ostacoli della nostra difficile vita
Preghiera: Madre dei Cieli grazie di averci donato la nostra Santa Emerenziana e che ci possa guidare sempre nei momenti di difficoltà
Emblema: Giglio, Palma
Martirologio Romano: A Roma sulla via Nomentana nel cimitero Maggiore, santa Emerenziana, martire.

Vita del Santo

Un ignoto autore del sec. V aggiunse alla passio latina di s. Agnese, scritta dallo pseudo-Ambrogio, un terzo capitolo che si dilunga sui funerali della santa, sulla sua apparizione ai genitori, otto giorni dopo la morte, e sulla fondazione della basilica in suo onore da parte di Costanza, figlia di Costantino.
Tra i fedeli accorsi ai funerali di Agnese è ricordata anche “Emerentiana, quae fuerat collactanea eius, virgo sanctissima, licet cathecumena”. Un’improvvisa aggressione da parte di pagani fanatici disperse i cristiani. Emerenziana, invece di fuggire, apostrofò coraggiosamente gli assalitori, finendo però lapidata. I genitori di s. Agnese ne seppellirono il corpo nei pressi: “in confinio agelli beatissimae virginis Agnetis”, cioè sui limiti della loro proprietà. Non c’è dubbio, conclude l’autore, enunciando la dottrina sul Battesimo di sangue, che Emerenziana sia stata battezzata nel suo sangue, essendo morta per la difesa della giustizia, confessando il Signore. Purtroppo però tutto il terzo capitolo della passio Agnetis è giudicato assai severamente dalla critica. Ignorato da s. Massimo di Torino (423), che pur utilizza largamente la passio, e pieno di inesattezze sull’epoca di Costantino, 3i rivela manifestamente opera tardiva e cervellotica.
Gli unici elementi del racconto relativi ad Emerenziana per altra via documentabili sono il nome della santa, il suo martirio, quale che ne sia stata la forma, la sua sepoltura nei pressi del sepolcro di s. Agnese. Secondo parecchi critici un altro elemento ancora potrebbe essere accettato, sia pure con riserva, che cioè la santa fosse davvero ancora catecumena allorché fu uccisa. Esso infatti non fa parte del solito repertorio dei fabbricanti di passiones e potrebbe ben essere l’eco d’una ininterrotta tradizione. Una determinazione cronologica del martirio è impossibile. Di solito si pensa all’epoca di Diocleziano.

Secondo un racconto di autore ignoto della passione di Sant’Agnese, Emerenziana era tra i fedeli che parteciparono ai funerali della giovane martire Agnese “Emerentiana, quae fuerat collactanea eius, virgo sanctissima, licet cathecumena”.

Un’improvvisa aggressione da parte di pagani disperse i cristiani accorsi alle esequie di Agnese. Emerenziana, invece di fuggire, apostrofò coraggiosamente gli assalitori, ma finì uccisa dai colpi di pietra; e in tal modo battezzò col suo stesso sangue i suoi assassini.

I genitori di Agnese seppellirono Emerenziana “in confinio agelli beatissimae virginis Agnes” cioè nel cimitero, a poche centinaia di metri dal luogo dove era stata deposta la loro figlia.

Sul sepolcro della martire che doveva trovarsi all’iniz~o della zona, al livello del suolo, era stata dunque eretta una chiesa e il Liber Pontificalis ci fa sapere che essa fu restaurata da Adriano I (772-95).
Le reliquie di Emerenziana furono trasferite nel sec. IX nella basilica di S. Agnese. Paolo V nel 1615 ordinò un’artistica cassa d’argento, in cui fece racchiudere i corpi delle due sante e che fu collocata sotto l’altare maggiore. Altre chiese in Roma hanno conservato il ricordo della martire: S. Agnese a Piazza Navona, dove le fu dedicato un altare nel 1123; S. Pietro in Vincoli, dove sarebbe conservata la testa; S. Maria in Campitelli, dove si mostra un suo dito. Recentemente le è stata intitolata una nuova grande parrocchia nel quartiere Nomentano. In Spagna, in Germania, a Bruxelles, si pretende di avere sue reliquie. Secondo le Vies des Saints (cit. in bibl.), in Francia, nella regione dell’Anjou, nel sec. XII, esisteva una cappella a lei dedicata che il re Luigi XI dotò di alcune sue reliquie nel 1472. Poiché tardive leggende complicarono il martirio di Emerenziana raccontando che le era stato squarciato il ventre, ella fu invocata, specialmente in Francia, contro il mal di ventre.

Per approfondimenti leggi la scheda su Sant’Emerenziana: https://it.wikipedia.org/wiki/Sant%27Emerenziana

Altri santi e venerazioni del ventitré gennaio

– Sant’ Amasio
Vescovo
– Sant’ Andrea Chong (Tyong) Hwa-Gyong
Catechista e martire
– Santi Clemente ed Agatangelo
Martiri
– Sant’ Ildefonso (Idelfonso) da Toledo
Vescovo
– San Maimbodo
– Santi Severiano e Aquila
Sposi, martiri